SPESE LEGALI, ABBINANTE REPLICA AL PD LOCALE

Pubblichiamo di seguito la risposta dell'assessore al Bilancio, Rocco Abbinante, al comunicato del Pd locale. 

 

Comunicato stampa n.14, 10 aprile 2015

 

L’Assessore Rocco Abbinante replica con questa nota al comunicato del PD capursese sulle spese legali del Comune:

 

“Ancora una volta e con crescente riluttanza, sono costretto a perdere tempo per smentire le balle spaziali sparate dal PD locale. Il solito quartetto cetra nostrano canta di nuovo all’unisono e come sempre stecca di brutto: la loro nota è infatti un coacervo di errori sconcertanti, bugie, manipolazioni, ignoranza politica e amministrativa, cattiveria gratuita. Un tentativo desolante (e ovviamente fallito) di ingannare i cittadini con dati falsi e fuorvianti: tutti sanno infatti che quella Crudele è un’Amministrazione virtuosa e molto oculata nell’uso dei soldi pubblici.

Con pazienza smonterò dunque una a una tutte le loro insinuazioni.

Primo errore blu: come sa chi mastica di amministrazione, le spese di un Comune non si calcolano dai dati SIOPE (che registrano solo i flussi di cassa), ma dagli impegni di bilancio (che invece registrano i soldi davvero spendibili).  

E nei bilanci si legge che nel 2008 furono spesi per cause legali non 34 mila, ma quasi 140 mila euro (cifra simile, se non superiore, a quanto speso negli anni successivi), e che nel 2014 sono stati impegnati non 230 mila, ma 190 mila euro. Dunque parliamo non di un aumento del 700% (!), ma solo di un più 35%.

Secondo errore: sbaglia il quartetto, a dare la responsabilità della spesa legale di un singolo anno interamente all’Amministrazione in carica in quel momento. Le spese legali di un anno, infatti, comprendono, oltre ai nuovi incarichi, anche il saldo di parcelle di vecchie cause che si concludono e il pagamento di sentenze sfavorevoli divenute esecutive.

Per esempio, i 190 mila euro di spese legali nel 2014 comprendono: 21 mila euro per pagamenti di sentenze; 91 mila per il saldo di incarichi di anni precedenti a questa amministrazione (in particolare segnaliamo 39mila euro per un incarico assegnato nel 1993 e 24 mila per un incarico del 2003), e solo 78 mila euro (cioè meno del 40 % del totale) impegnati dall’Amministrazione Crudele. Ricordo che proprio l’anno scorso fummo costretti ad andare in tribunale per ottenere la riduzione della parcella di un avvocato (incaricato nel 2005) da 220 mila a meno di 7 mila euro.

Altra falsità: l’Avvocatessa citata nella nota non ha percepito 4.840 euro, ma di 2.283 euro, meno della metà (vedi determina 193/2015), e non per uno, ma per due incarichi se pure tra loro collegati.

Del tutto infondata, oltre che vergognosa anche l’insinuazione circa l’uso clientelare dell’affidamento degli incarichi legali: in cinque anni, l’amministrazione ha incaricato più di 70 avvocati, in pratica, salvo casi molto particolari, nessun avvocato ha avuto più di un incarico all’anno, e si è adottato il criterio della rotazione seguendo l’elenco dei legali accreditati in segreteria. Abbiamo fatto sempre molta attenzione agli onorari, tutti calcolati sui parametri approvati dal Ministero, concordando sempre coi professionisti ulteriori riduzioni.

Questi settanta avvocati non saranno tutti candidati con Crudele (forse ci sarà una sola eccezione), ma anche se fosse non si può impedire a un avvocato di far politica solo perché ha patrocinato cause per il Comune, come ben sanno le avvocatesse Castellano e Rignani, firmatarie del comunicato, che in occasione delle elezioni comunali rispettivamente del 2005 e del 2010 si trovavano esattamente nella stessa situazione: cioè patrocinanti per il Comune e in lista a sostegno delle amministrazioni uscenti. 

Per il resto, visto che a quanto pare le “lezioni di bilancio” non funzionano, rimango a disposizione per eventuali ripetizioni gratuite.

Infine pongo una domanda: ma non era stato proprio il candidato sindaco del PD a chiedere di non muovere attacchi personali? Dobbiamo considerare conclusa quella tregua?"

Redazione



Martedi
2 5Aprile


Agenda


Indellicati - Via Madonna del Pozzo
Massafra - Via Casamassima
Mainardi - Via Torricella
Farmacie


Api - via Casamassima - Z.i.
Agip - Largo San Francesco
Erg - via Bari
Tamoil - via Noicattaro
Total - via Epifania
Benzinai


Lunedì dell'Angelo - Santa Stella