PREMIO CAPURSESE DELL'ANNO 2014. VINCONO I GIOVANI! PREMIO A NICOLA TARANTO PER ENJORE.

Si è tenuta nelle serate di sabato 6 e domenica 7 settembre, in Piazza Libertà, l'edizione 2014 del “Premio capursese dell'anno”. Organizzato dall'Amministrazione comunale, nell'ambito dell'AgriBio Village, ha portato sul palco una serie di giovani capursesi meritevoli di questa importante menzione. L'assessore alle Politiche Culturali e Marketing territoriale, spiega così questa coraggiosa idea dell'amministrazione comunale: Il coraggio e l’arrampicata è stato il tema di questa edizione del “Capursese dell’anno”. Preso in prestito dal titolo di copertina del giornale comunale Comunicare diretto da Vito Prigigallo, rispondeva alle nostre esigenze. In questo particolare momento storico, bisognava premiare l’impegno e il coraggio dei giovani. Di quelli che non perdono tempo a piangersi addosso ma riescono ad inventarsi un lavoro partendo da quello che sanno fare: smanettare il pc, cantare, suonare, fotografare o semplicemente ad ogni costo lavorare. I cinque ragazzi saliti sul palco di piazza Libertà sono la dimostrazione che nonostante tutto, facendo sacrifici, cavalcando la passione e la forza di volontà, sfruttando il talento che ognuno di noi ha stampato nel proprio DNA, studiando e soprattutto CREDENDO nelle proprie qualità, la crisi si può abbattere e un lavoro ce lo si può inventare.”
Ha vinto Nicola Taranto con 202 voti. Classe '86, impegnato da anni nel mondo dell'associazionismo capursese con Multiculturita e Informap, nel 2012 ha ideato Enjore, un’applicazione che permette di vivere competizioni sportive e di videogame. In 2 anni ha clienti in mezzo mondo dagli Stati Uniti alla Bulgaria, fino ad arrivare all'India e all'Australia. Nell'ultimo anno è stata utilizzata da mezzo milione di persone. Enjore è stata la piattaforma ufficiale della Rugby League Commonwealth Championships.
A seguire, con 157 preferenze Giuseppe Tangorra. Un capursese riscoperto! Artista. Perchè chiamarlo fotografo è davvero riduttivo. Nell'ultimo anno ha più volte collaborato con l'assessorato alla Cultura ideando progetti e realizzando mostre. Una su tutte “Capurso che lavora”. Una raccolta di scatti tra le più antiche e tradizionali attività commerciali di Capurso. Sempre disponibile all'impegno e alla collaborazione nonostante il poco tempo libero a disposizione. Una risorsa importantissima per il nostro paese.
Terzi classificati, pari merito, con 72 voti di preferenza, sono il maestro Antonio Cicerone, e la giovanissima Carmen De Benedictis. Il primo, apprezzatissimo musicista; primo flicorno della banda di Conversano, nato in una famiglia (Capobianco/Cicerone) di grandi appassionati di banda e cresciuto con la banda Amici della Musica di Capurso, con la quale collabora nei pochi momenti di disponibilità, Antonio è probabilmente la più alta figura espressa dal mondo della banda capursese. Il paese non può che esserne orgoglioso.
Carmen De Benedictis, la più giovane delle nomination, su facebook si definisce “bionda, brava, intelligente e bella. Ma soprattutto modesta!” Ed è tutto vero! Canta per “passione e per lavoro” in duo con il suo progetto Jazzed; studia e vanta la presenza del suo brano “Non andare via” su Hit Mania Dance Estate. Si è esibita nel corso dell'open music che ha aperto lo spettacolo di domenica sera con Biagio Izzo, incassando anche i complimenti del grande attore napoletano.
Chiudono la classifica con 65 voti i fratelli D’Alessio. Capursesi doc, hanno scelto di portare la tradizione del panzerotto pugliese a Milano, dove nel centralissimo Corso Buenos Aires, producono centinaia di panzerotti al giorno utilizzando i prodotti del nostro territorio.
Menzioni importanti sono andate alle nuove aperture di attività commerciali, secondo l'assessore alle attività produttive Gioacchino Carella “meritevoli per il coraggio di investire in un momento economicamente molto difficile in un paese che al contrario di tanti altri, continua a mantenere un bilancio assolutamente positivo tra le attività che si aprono e quelle che si chiudono”. Sono saliti sul palco di Piazza Libertà, Michele Perchinelli per 101 Caffè, Roberto Pastore per 111 Emporioenogastronomico, Flavia Danese e Giovanni Masiello per la cartolibreria LiberaMente, Vito La Gioia per Ottica Vista Bene, Matteo Pepe per Happy Food Kebabberia e rosticceria, Stefania Di Fronzo per Macelleria Stefy e Giuseppe Guerra per Bon Pan.
Meritatissime menzioni anche per Antonio Stolfa per il complesso residenziale “Eco” Solaria, realizzato dal Gruppo Stolfa Edilizia, la neonata associazione capursese dei commercianti Ass.Com.Crea, rappresentata dal presidente Francesco Lepore e dal suo vice Massimo Pipino e Capurso Web Tv per la diretta dei festeggiamenti di S. Maria del Pozzo, trasmessa via web e sul digitale terrestre su Tele Appula, domenica 31 agosto 2014.
Altri riconoscimenti sono andati a Domenico Paulicelli, Mimmo Pellicola e Andrea Carnimeo.
Bel momento anche quello della consegna delle menzioni alla memoria. Dal palco sono stati ricordati Vito Cariello, Enza Squeo e Francesco Susca. Un esempio per tutti i giovani premiati: lavoratori fino all'ultimo giorno, padroni di una umiltà e di un rispetto infinito.
Le due serate, organizzate all'interno dell'agri-bio village organizzato dal Comune e da New Global Market, hanno visto sul palco le straordinarie esibizioni di Fabiano Marti, Mauro Pulpito, Franco Cosa e Tommy Terrafino il sabato sera per il “Cantieri comici” e dello showman Biagio Izzo la domenica, con l'open music affidato alle giovani voci capursesi di di Annarita Angiuli e Carmen De Benedictis.
Grandissimo successo di pubblico e altissimo gradimento, in particolare da parte dei tanti commercianti che nell'area della villa comunale hanno fatto sold out, grazie alle migliaia di persone che hanno gremito la piazza.

Redazione



Venerdi
2 6Maggio


Agenda


Indellicati - Via Madonna del Pozzo
Massafra - Via Casamassima
Mainardi - Via Torricella
Farmacie


Api - via Casamassima - Z.i.
Agip - Largo San Francesco
Erg - via Bari
Tamoil - via Noicattaro
Total - via Epifania
Benzinai


San Filippo Neri