IL RIVOLUZIONARIO PIANO DI INCLUSIONE SOCIALE PER MINORI

In un’atmosfera di sincera emozione si è tenuta questa mattina, presso la  sala consiliare del Comune di Capurso, la conferenza di presentazione  del progetto "Per far crescere un minore ci vuole una comunità –  Un'alleanza per una comunità educante", il rivoluzionario piano di  inclusione sociale per minori progettato dall’assessorato alle politiche per l'Integrazione Socio Sanitaria del Comune. Un progetto innovativo e molto ambizioso, come hanno detto in apertura  dell’incontro, il Sindaco Francesco Crudele e l’Assessora Dina Munno,  del quale la nostra comunità può andare orgogliosa.
Istituzioni, scuole, associazioni culturali e di volontariato, società  sportive, piccole imprese artigiane, ma anche singoli privati cittadini, tutti insieme, impegnati nella missione civile e sociale di combattere l’esclusione sociale dei minori provenienti da situazioni familiari disagiate. Il progetto, che ha pochi modelli in Italia e in Puglia, coinvolgerà inizialmente i due Istituti Comprensivi di Capurso, la Confartigianato locale, 6 associazioni culturali, 2 società sportive, 14 piccole imprese artigiane e 15 semplici cittadini in veste di tutor/ volontari; ma la  rete potrà allargarsi già dai prossimi giorni. Per ogni minore e per la  sua famiglia verrà definito un percorso personalizzato finalizzato alla prevenzione delle situazioni di disagio scolastico, solitamente primo sintomo di forme di  esclusione e marginalità, attraverso una offerta educativa/formativa, aperta e flessibile, e variamente articolata  nell'arco della settimana. La valenza fortemente innovativa e sperimentale del progetto, sottolineata in tutti gli interventi dei relatori, ha suscitato l’attenzione dei più importanti organi di informazione regionali. “Abbiamo un obiettivo importante – ha detto il Sindaco Crudele –  costruire una comunità che non lasci indietro nessuno, ma per raggiungerlo è molto importante costruire un’alleanza tra tutti gli attori della nostra società, dalle agenzie formative alle attività  produttive, dai comuni cittadini alle istituzioni. Andiamo avanti con coraggio.”

“Plaudo all’intelligenza di questa amministrazione – ha concluso Rosy Paparella: Garante regionale per la tutela dell'infanzia e dell'adolescenza – e spero che questo progetto così importante possa essere presto un modello anche per altri paesi pugliesi.”

 

Foto di Francesco Maurelli

Redazione

Foto

         



Lunedi
2 4Aprile


Agenda


Indellicati - Via Madonna del Pozzo
Massafra - Via Casamassima
Mainardi - Via Torricella
Farmacie


Api - via Casamassima - Z.i.
Agip - Largo San Francesco
Erg - via Bari
Tamoil - via Noicattaro
Total - via Epifania
Benzinai


Pasqua di Risurrezione