LORENZO BATTISTA PRESENTA IL "RISORGIMENTO A CAPURSO"

Venerdì 18 ottobre, presso la Biblioteca comunale D'Addosio è ritornato l'appuntamento de "Il Libro Parlante", manifestazione  organizzata dall' Assessorato alle Politiche Giovanili, Culturali e per lo Sport e Marketing Territoriale del Comune di Capurso nella persona dell’Assessore Michele Laricchia, e inserita ne cartellone Capurso Cultura Autunno. Protagonista della serata il prof. Lorenzo Battista con il volume "Risorgimento a Capurso", con l'intervento di Vittoriano Caporale - docente ordinario di Storia della Pedagogia all' Università degli Studi di Bari e il prof. Francesco Bellino - direttore del Dipartimento di Bioetica dell' Università degli Studi di Bari. La serata ha visto la presenza de La Compagnia della lunga tavola, associazione cultural-gastronomica che ha "spezzato" il pane annodato già presentato due anni fa in occasione della mostra "Fratelli di pane". 

Proponiamo una presentazione curata da Michelangelo Romano

"Siede alla nostra Tavola degli Scrittori (o "Tavola delle Penne arrabbiate", come scherzosamente la chiamiamo) l'Autore di questo lavoro “IL RISORGIMENTO E CAPURSO”.
Lorenzo Battista, ex docente impegnato nel sociale e appassionato di Storia, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, si è proposto di offrire uno spaccato degli avvenimenti, dei luoghi e dei personaggi del Risorgimento.
Il volume, diviso in ventidue capitoli per 326 pagine, partendo da una disamina della situazione degli Stati presenti nella Penisola italiana nei primi decenni dell'800 e delle condizioni delle popolazioni, si diffonde sui travagli del vasto movimento insurrezionale, fra Società segrete, moti carbonari e liberali, confronti e contrapposizioni ideologiche, per poi passare in rassegna una piccola galleria di personaggi, nella quale compaione non solo i “Padri della Patria” (Carlo Alberto Vittorio Emanuele II, Cavour, Garibaldi, Mazzini), ma anche alcune impavide e generose donne che dettero il loro contributo all’impresa unitaria, pur senza essere onorate del titolo di “Madri della Patria” (Antonietta de Pace; Anita Garibaldi; Virginia Oldoini, la contessa di Castiglione; Adelaide Bono di Belgirate, madre dei Fratelli Cairoli; Cristina Trivulzio, la principessa di Belgioioso).
L’Autore non manca di toccare il fenomeno del “brigantaggio” nel Meridione, la questione della Lingua, i temi del Tricolore e dell’Inno nazionale e di accennare al panorama musicale risorgimentale, che ha in Giuseppe Verdi l’alfiere del riscatto degli italiani dal giogo straniero.
Non sono trascurati, come rispecchia il titolo stesso del libro, fatti e vicende d’epoca avvenuti a Capurso, in una narrazione che l’Autore (capursese a 18 carati!) ha modo di introdurre in parallelo allo svolgimento di alcuni capitoli riguardanti il panorama nazionale.
Non mancano neppure le conclusioni e le personali riflessioni di Battista, partecipe del polemico dibattito apertosi nel Paese in questi ultimi tempi (Lino Patruno, Pino Aprile ed altri), sulle vicende storiche e politiche italiane, nonché sullo stato della cultura a Capurso (caput animae dell’Autore), a oltre 150 anni dal Risorgimento."

 

Foto di Andrea Carnimeo

 

 

Redazione

Foto

   



Martedi
2 5Aprile


Agenda


Indellicati - Via Madonna del Pozzo
Massafra - Via Casamassima
Mainardi - Via Torricella
Farmacie


Api - via Casamassima - Z.i.
Agip - Largo San Francesco
Erg - via Bari
Tamoil - via Noicattaro
Total - via Epifania
Benzinai


Lunedì dell'Angelo - Santa Stella